Il mercato del corpo.

Il commercio dei tessuti umani nell'era biotecnologica. A cura di Maria Michela Manzano e Luca Parisoli.

Disponibile
Codice Prodotto
000012019
 
Anno di edizione
2002
Pagine
XXXIV - 298
ISBN
9788814095818
Area di interesse
Professione
Materia
Persone: famiglia e minori , Penale
22,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Nonostante la tendenza piuttosto generalizzata dei medici e degli scienziati a voler ignorare le questioni etiche connesse allo sfruttamento del corpo, sono proprio tali questioni che si impongono ormai in modo pressante. Il corpo è un semplice contenitore di materiale utile per la scienza ed economicamente prezioso? Se di materiale si tratta, chi può disporne? Chi ne è proprietario? Chi può godere degli eventuali vantaggi economici che risultano dallo sfruttamento dei tessuti del corpo? Le autrici insistono sul significato culturale del corpo, sulle tradizioni dei popoli indigeni, sulle credenze che circondano il mistero della vita e della morte. Quello che vogliono non è esaltare la superstizione, ma permettere alla libertà di avere ancora un proprio spazio, laddove la necessità della genetica sembra spingerci di nuovo ad un meccanicismo di cartesiana memoria. Nel libro di Andrews e Nelkin le questioni di bioetica, il commercio degli organi, l'abuso di fiducia da parte del personale della ricerca medica, la violazione dell'identità corporea di persone vive e morte, sono riunite insieme sotto un'unica egida: la difesa della pluralità dei valori condivisi nelle nostre società dai gruppi che le compongono.
Direttore Collana: Mazzoni Cosimo Marco

Prodotti correlati