LA CUSTODIA GIUDIZIALE

Disponibile
Codice Prodotto
000039880
 
Anno di edizione
2014
Pagine
XVIII - 704
ISBN
9788814184499
Area di interesse
Professione
Materia
Processo civile
75,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

L'ordinamento conosce numerose ipotesi di gestioni patrimoniali coattive affidate ad un ausiliario dell'autorità giudiziaria, definito nei modi più vari: custode, commissario,amministratore, curatore e via dicendo. Le gestioni sono caratterizzate dalla finalità di impedire che il patrimonio interessato dal procedimento subisca un depauperamento per il tempo necessario al suo svolgimento e di evitare che vengano frustrate le ragioni di chi vanta diritti sul patrimonio. Il volume opera una ricostruzione unitaria delle gestioni coattive riconducendole sotto la denominazione di custodia giudiziale ed evidenziandone i tratti comuni a tutte le ipotesi, siano esse inerenti a procedimenti penali, civili o fallimentari. La premessa di fondo è che la custodia giudiziale assuma una sua soggettività, sia pure limitata dalla finalità per cui essa sorge. Da ciò discende una responsabilità autonoma della gestione per le obbligazioni assunte dall¿organo che la rappresenta ¿ il custode giudiziario - e per gli atti illeciti, nonché il riconoscimento di poteri sostanziali e processuali, la cui estensione varia in funzione della natura del patrimonio custodito e del procedimento interessato. Vengono esaminati i fatti genetici ed estintivi della custodia e descritti gli obblighi strumentali del custode, come quello di rendiconto, la personale responsabilità e il diritto al compenso. Completa la trattazione un capitolo dedicato alla tutela penalistica della custodia giudiziale, di fronte a comportamenti illeciti sia del custode che di terzi.
Direttore Collana: Paolo Cendon

Prodotti correlati