Il condominio negli edifici.

Artt. 1117-1128.

Disponibile
Codice Prodotto
000096422
 
Anno di edizione
2009
Pagine
XVII - 316
ISBN
9788814150357
Professione
Materia
Locazioni e condominio
36,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Primo di due contributi di un'opera completa sul tema, il volume commenta i singoli articoli di riferimento secondo lo stile della collana, avendo attenzione sia agli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali sia ai profili pratici. Preceduto da un'introduzione diretta a fornire, mediante un'analisi complessiva delle disposizioni vigenti in materia, una ricostruzione sistematica dell'istituto, offre, per tale via, la chiave di lettura e di risoluzione delle molteplici questioni che l'applicazione pratica della normativa pone. Sempre all'interno dell'introduzione vengono poi richiamate talune fattispecie di recente emersione (multiproprietà, supercondominio, ecc.), per le quali sorge l'interrogativo della relativa riconducibilità nell'alveo delle norme sul condominio. Ampio spazio è stato riservato all'art. 1117 c.c., disposizione che, nell'economia del sistema, assolve al ruolo di regola di attribuzione della quota in condominio, di formula riassuntiva del regime condominiale e, attraverso l'elencazione delle parti comuni, di formula indicativa dell'oggetto del condominio. Il commento delle disposizioni successive costituisce, poi, l'occasione per affrontare alcuni temi che appaiono di sicura rilevanza pratica: solo a titolo esemplificativo si segnalano il tema della determinazione delle quote condominiali e del ruolo svolto dalle tabelle millesimali (art. 1118 c.c.), il profilo del coordinamento fra disciplina generale e normativa speciale in materia di innovazioni (artt. 1120-1121 c.c.), la questione dell'incerta natura della responsabilità cui vanno incontro i condomini per le obbligazioni contratte dal condominio (art. 1223 c.c.), ed infine le problematiche connesse all'inquadramento sistematico del diritto di sopraelevazione e alla definizione dei relativi limiti (art. 1127 c.c.).
Direttore Collana: Francesco Donato Busnelli

Prodotti correlati