I nuovi delitti contro la pubblica amministrazione,

Commento alla legge 6 novembre 2012, n.190. Attiva la versione digitale su www.bibliotecavolumi.giuffre.it

Disponibile
Codice Prodotto
000146519
 
A cura di
Anno di edizione
2013
Pagine
XII - 454
ISBN
9788814164545
Area di interesse
Professione
Materia
Penale
50,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Quella dei reati contro la Pubblica Amministrazione è una delle materie più tormentate del diritto penale, tanto da subire dal 1990 ad oggi una serie di riforme che hanno inciso in maniera rilevante sullo statuto penale della P.A. La legge 6 novembre 2012, n. 190 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione) nasce da una duplice esigenza, dovuta da un lato all'inadeguatezza offensiva di alcuni reati contro la P.A., in particolare la corruzione, dall'altro alla necessità di rispettare gli obblighi nati dalle convenzioni internazionali. La riforma è caratterizzata dall'introduzione nel sistema penale della Pubblica Amministrazione di nuove fattispecie di reato quali l'induzione indebita a dare o promettere utilità e il traffico di influenze illecite, nonché dall'inasprimento delle sanzioni penali, soprattutto per quanto concerne il reato di corruzione propria per atti contrari ai doveri d'ufficio, probabilmente dettato, anche, dalla necessità di allungare i termini di prescrizione.

Prodotti correlati