Il territorio: dallo stato-nazione alla globalizzazione.

Sfide e prospettive dello stato costituzionale aperto.

Disponibile
Codice Prodotto
000166052
 
Anno di edizione
2010
Pagine
XV - 602
ISBN
9788814153143
Professione
Materia
Amministrativo, Scienze politiche e sociologia del diritto
62,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Il volume analizza il rapporto tra territorio e Stato costituzionale, con particolare riguardo ai mutamenti avvertiti dalla forma di Stato di democrazia pluralista in seguito alla "crisi" dello Stato-nazione e al consolidamento dei processi di integrazione europea e globalizzazione. Il lavoro è svolto in prospettiva diacronica, valorizzando gli spunti tratti dalla storia dei concetti (Begriffsgeschichte), dalla geografia politica critica e dagli studi postcoloniali. Ad una sintetica illustrazione del rapporto tra diritto e spazio nell'Europa medievale (cap. I), seguono rispettivamente l'indagine sulla concezione della territorialità nello Stato-nazione moderno (cap. II) e la ricostruzione del territorio dello Stato come categoria dogmatica nella dottrina giuspubblicistica tra Otto e Novecento (cap. III), portandosi allo scoperto le aporie derivanti dalla loro applicazione ai territori coloniali. Mediante il ricorso alle tesi sullo Stato costituzionale aperto e cooperativo si analizzano quindi le ricadute dei processi di globalizzazione sui concetti esaminati nei capitoli precedenti, rilevandosi una relativizzazione del territorio dello Stato come categoria dogmatica (cap. IV). Lo spazio europeo viene assunto infine come banco di prova per illustrare il mutamento attraversato da alcune categorie del costituzionalismo democratico nella "costellazione post-nazionale": si indagano pertanto la dimensione del mercato, i paradigmi federalistici e sussidiari, i moduli universalistici e cooperativi di protezione dei diritti e, nella prospettiva del migrante, lo "spazio di libertà sicurezza e giustizia" istituito dai Trattati, illustrandosi le ambivalenze dovute alla continuità con il passato coloniale non meno che con la tradizione cosmopolitica europea (cap. V).

Prodotti correlati