Il contratto di franchising.

Orientamenti giurisprudenziali prima e dopo la legge 129 del 2004.

Disponibile
Codice Prodotto
000208714
 
Autore
Anno di edizione
2012
Pagine
XII - 364
ISBN
9788814166532
Professione
Materia
Civile, Obbligazioni e contratti
37,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Il 6 maggio 2004 veniva approvata la legge n. 129 che detta "Norme per la disciplina dell'affiliazione commerciale". Scopo del volume è una "valutazione" della stessa dopo otto anni. Una legge si misura in primo luogo sugli effetti economici prodotti , in secondo luogo sull'applicazione che ne fanno i giudici. Quella sul franchising (che incide su un settore molto sensibile dell'economia) ha funzionato sul piano economico perché il settore continua a progredire ad un ritmo sempre superiore al 5% annuo. Quanto ai giudici ed agli arbitri essi ne hanno assecondato gli sviluppi, tutelando gli interessi del franchisor e del franchisee, nonché la concorrenza ed i consumatori. Il libro è interamente dedicato alla giurisprudenza (spesso inedita o di difficile reperibilità), anche se ogni capitolo è aperto con una introduzione esplicativa della legge e, quasi sempre (senza far mancare l'opinione dell'autore), lascia "la parola ai giudici". Accanto alla pronunce dei giudici ordinari, sono riportati alcuni lodi arbitrali (con la garanzia della confidenzialità). Un ruolo rilevante è stato attribuito alle decisioni dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in materia di pubblicità, pratiche scorrette e concorrenza, con le conseguenti sentenze dei giudici amministrativi. Sono state anche reperite una sentenza penale, una sentenza della Commissione tributaria, una decisione della Banca d'Italia, una delibera del Consiglio di Stato in sede consultiva ed altro ancora. Ne è uscito un quadro generale completo ed esaustivo sul tema, strumento indispensabile per quanti operano nel franchising.

Prodotti correlati