La Cassazione penale.

Fatto, diritto e motivazione. Attiva la versione digitale su www.bibliotecavolumi.giuffre.it

Codice Prodotto
000247757
 
Anno di edizione
2013
Pagine
XXXVIII - 948
ISBN
9788814185359
Area di interesse
Professione
Materia
Processo penale
Prezzo speciale 104,50 € Prezzo normale 110,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Nella lunga notte del processo penale la Cassazione è una figura sdoppiata. C'è la Cassazione tradizionale, che ha la fobìa del fatto e vive sulla cruciale distinzione legittimità-merito. È una Cassazione tolemaica, che si pone al vertice del sistema giuridico come una divinità lontana, sensibile alla legalità e cinicamente indifferente alla giustizia. È la Cassazione del diritto vissuto, che affronta i problemi del presente con le categorie giuridiche del passato, che ragiona per sillogismi, ignora ragionevole dubbio ed ipotesi alternative ed è legata al formalismo delle nullità. E c'è una nuova Cassazione. È la Cassazione, che abbandona l'anacronistico tabù del merito e che per fronteggiare la colata lavica dei ricorsi cerca barriere selettive più efficaci, come l'interesse, la specificità e decisività dei motivi. Una Cassazione copernicana, detronizzata dal vertice dell'universo giuridico, ma che è capace di reinventarsi, volgendosi dalla norma al caso, puntando alla lesività delle nullità e valorizzando il principio di preclusione. Una Cassazione che entra nel fatto, che ragiona con probabilità e ipotesi, che affronta prova scientifica e processo indiziario e che fissa regole logiche di ragionamento e protocolli argomentativi al fine di raggiungere - attraverso la legalità - la giustizia. È la Cassazione del diritto vivente, che si muove nella luce calda dei problemi roventi, che accetta le sfide di un mondo complesso e cerca nuove visioni per realizzare un giusto processo dalla ragionevole durata. La Cassazione è figlia della storia che l'ha generata. Ma quella storia può essere una ricchezza o un vincolo. La Cassazione è a un bivio: tra la memoria compiacente del passato e l'aspro territorio del presente. Deve scegliere. Il futuro ci dirà quale delle due Cassazioni prevarrà. Ma il futuro è già cominciato... C'è una vecchia toga di ermellino che avvolge un giudice moderno.

Prodotti correlati