Il notaio romano tra sovranita' pontificia e autonomia comunale (Secoli XIV-XVI).

Disponibile
Codice Prodotto
000279413
 
Anno di edizione
2012
Pagine
XVIII - 444
ISBN
9788814156878
Area di interesse
Professione
Materia
Storia ed istituzioni di diritto romano
50,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Il volume è opera nuova e originale nella quale l'autrice ricostruisce la figura del notaio romano capitolino tra la seconda metà del Trecento e gli inizi del Seicento inserendola nei rapporti tra i due poteri istituzionali romani, quello del pontefice e quello del Comune, attraverso l'esplorazione e l'analisi delle fonti notarili per la maggior parte inedite conservate nei due grandi archivi romani: l'Archivio di Stato di Roma e l'Archivio Capitolino. Dopo un ampio inquadramento del notaio nella vita istituzionale e culturale della città di Roma, il libro approfondisce la preparazione professionale del notaio e la sua funzione con l'esame della vastissima produzione dei suoi atti e negozi giuridici che venivano richiesti da famosi cardinali, da ricchi mercanti romani e forestieri, da famiglie della grande aristocrazia feudale, dalla nuova nobiltà cittadina e dal resto della popolazione romana e immigrata. Il taglio istituzionale e storico del volume si presenta come un nuovo contributo sull'istituzione del notariato romano.

Prodotti correlati