La responsabilita' e il procedimento disciplinare nel pubblico impiego privatizzato.

Non Disponibile
Codice Prodotto
000349680
 
Anno di edizione
2002
Pagine
XXI - 706
ISBN
9788814098253
Area di interesse
Professione
Materia
Amministrativo
49,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Infrazioni, sanzioni e codice disciplinare - Codici di comportamento - Procedimento e natura dei relativi termini - Responsabilità disciplinare del dirigente - Incompatibilità e riflessi disciplinari - Rapporti tra illecito penale e disciplinare - Sospensione cautelare - Strumenti giustiziali (ricorsi amministrativi, ricorso giurisdizionale, conciliazione e arbitrato disciplinare) - Accesso e privacy. A seguito della "privatizzazione" e "contrattualizzazione" del rapporto di pubblico impiego, la già complessa materia disciplinare ha perso i suoi basilari referenti normativi (il D.P.R. 10 gennaio 1957 n.3) e giurisprudenziali (la pluriennale elaborazione della magistratura amministrativa). Sempre più spesso si pongono diverse questioni nascenti dalla nuova fonte negoziale (la contrattazione collettiva), dal suo problematico raccordo con alcune fonti legislative (es. l. 97/2001; d.lgs. 267/2000; l. 19/1990; l. 55/1990; l. 300/1970) e dal mutamento del giudice competente in sede contenziosa (il giudice ordinario). La pregressa elaborazione dottrinale e giurisprudenziale su tale delicato istituto del pubblico impiego, viene oggi a confrontarsi con il nuovo approccio lavoristico-privatistico che la dottrina, la magistratura e la stessa pubblica amministrazione dovranno avere alla materia, approccio che affonda le sue radici nell'impiego con datore di lavoro privato. Il volume, alla luce dei nuovi parametri normativi, della ricchissima giurisprudenza (costituzionale, ordinaria, amministrativa e contabile) anteriore e successiva alla privatizzazione e della più autorevole dottrina intervenuta in materia, intende fornire una organica e sistematica ricostruzione della nuova regolamentazione della materia, mediando tra l'approccio privatistico e quello pubblicistico che fatalmente si intersecano - e talvolta vengono in attrito - anche in materia disciplinare, per la soluzione dei moltissimi problemi che la realtà gestionale e quella giudiziaria pongono all'operatore giuridico. Il testo per la sua completezza e per la ricchezza dei dati offerti, rappresenta non solo un contributo scientifico alla conoscenza di un istituto ancora troppo poco studiato e assurto a notorietà nell'opinione pubblica solo per i suoi profili patologici (mancato o cattivo utilizzo dello strumento disciplinare a fronte di micro e macro illegalità nella pubblica amministrazione), ma anche un importante ausilio per magistrati, avvocati, funzionari pubblici e componenti di collegi arbitrali di disciplina che quotidianamente affrontano, senza ancora idonei indirizzi della Suprema Corte in materia, problemi tecnici di notevole spessore, la cui scorretta soluzione ha spesso notevoli riflessi non solo in sede contenziosa, ma anche sulle casse erariali e sull'immagine esterna dell'amministrazione.

Prodotti correlati