Nuova comunicazione ed i suoi effetti sull'informazione (La).

Atti del Congresso. Milano, 22-23 ottobre 2010.

Non Disponibile
Codice Prodotto
000349740
 
Anno di edizione
2011
Pagine
VIII - 42
ISBN
9788814157011
Area di interesse
Professione
Materia
Economia e aziende
18,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Ad un quarto di secolo dall'avvento di internet gli effetti della rivoluzione nelle comunicazioni, oggetto di innumerevoli ricerche, dibattiti e pubblicazioni, non sono ancora pienamente visibili. Il flusso ininterrotto di messaggi che circolano nella rete, la convergenza dei media, la possibilità di stabilire un numero indefinito di connessioni senza limiti di tempo e di spazio, sembra ampliare esponenzialmente l'ambito della libertà di informarsi, che è il presupposto logico, prima che politico e giuridico,della libertà di informare, Tuttavia, proprio il sovraccarico della rete pone inusitati problemi di selettività. La possibilità di scegliere e di interpretare liberamente, di cui fruiscono gli utenti in linea teorica, non sembra aver minimizzato il rischio di un controllo elitario dei canali informativi più efficaci, specialmente la televisione, i cui messaggi paiono ovunque sempre più ridotti nel numero, essenziali nella forma e standardizzati nel contenuto. Per paradosso, ad un sempre più alto indice di entropia comunicativa, sembra corrispondere un indice sempre più modesto di informazione critica. Senza contare che la diffusione dello strumento informatico, pur in continuo aumento, è ancora limitata geograficamente e demograficamente. Questa conferenza ha voluto discutere a fondo la tensione sempre più manifesta tra comunicazione e informazione.Con l'intervento di epserti dei più vari settore ha inteso interrogarsi sul futuro dei media tradizionali, individuare gli attori più influenti e i loro strumenti di governance, entrare nel vivo delle nuove aggregazioni degli utenti della rete: in sintesi, comprendere se il sistema della comunicazione globale, nel suo naturale disordine, possa arginare la tendenza sempre presente verso l'ordine imposto dall'alto.

Prodotti correlati