L'indizio "per la prova" e l'indizio "cautelare" nel processo penale.

Disponibile
Codice Prodotto
000490070
 
Anno di edizione
2012
Pagine
VIII - 152
ISBN
9788814180323
Area di interesse
Professione
Materia
Processo penale
15,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Il tema della «valutazione indiziaria» rappresenta un terreno di stimolante ricerca speculativa, oggetto di continua ridefinizione per effetto delle modifiche apportate all'accezione originaria del termine dal succedersi di interventi normativi - in primis la legge costituzionale sul giusto processo, i cui principi impongono la necessità di una irrinunciabile interazione fra libero convincimento, obbligo di motivazione e valorizzazione della funzione cognitiva del contraddittorio - e dall'alternanza di decisioni giurisprudenziali non sempre improntate ad un sincronismo adesivo alle riforme volute dal legislatore. L'individuazione di un terreno comune - su cui radicare l'estensione dei criteri ermeneutici ex art. 192, comma 2 cpp, al procedimento incidentale de libertate - risulta possibile attraverso il riferimento alla regola - non scritta, ma irrinunciabile - della certezza del dato indiziante, che, sebbene non trovi espresso riscontro nel disposto normativo, è requisito intrinsecamente connesso alla sistematica della prova indiziaria, e postula il doveroso ricorso a procedimenti di logica formale, che lo rendono elemento indefettibile nel processo valutativo del giudice. L'assunto ha incontrato il recente consenso della Corte di Cassazione per la quale deve escludersi che il mancato richiamo al secondo comma dell'art. 192 in seno all'art. 273 implichi la inapplicabilità della prima disposizione alla materia cautelare, poiché il codice di rito - nel pretendere, ai fini dell'adozione di una misura ad custodiendum, la presenza di "gravi indizi di colpevolezza" - non può non richiamare anche il citato secondo comma che, oltre a codificare una regola di inutilizzabilità, costituisce un canone di prudenza nella valutazione della "probabilità" di colpevolezza necessaria per esercitare il potere cautelare.

Prodotti correlati