La memorizzazione locale sembra essere disabilitato nel tuo browser.
Per la migliore esperienza sul nostro sito, assicurati di attivare la memorizzazione locale nel tuo browser.

La presunzione di validita' dell'atto giuridico nel diritto canonico.

Disponibile
Codice Prodotto
000520804
 
Anno di edizione
2006
Pagine
X - 276
ISBN
9788814131486
Area di interesse
Materia
Canonico ed ecclesiastico
Prezzo speciale 27,55 € Prezzo normale 29,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

L'opera prende in esame la presunzione di validità dell'atto giuridico, stabilita dalla legge canonica nel can. 124 § 2 del Codice di diritto canonico del 1983 e nel can. 931 § 2 del Codice dei canoni delle chiese orientali del 1990. Il primo capitolo è dedicato all'origine romana e germanica delle presunzioni che, come è il caso della presunzione di validità, hanno per oggetto una qualifica giuridica. Sono, inoltre, esaminate la natura, le dimensioni processale e sostanziale, gli elementi strutturali e gli effetti delle presunzioni stabilite dalla legge o formulate dal giudice. Il secondo capitolo esamina, nella dottrina morale e giuridica, la regola "standum est pro valore actus nisi contrarium probetur" e le varie regole e presunzioni pro valore actorum in vigore nel periodo della prima codificazione, antecedenti della nuova presunzione generale di validità, introdotta nel Codice del 1983 in occasione della riformulazione nel can. 124 § 1 della disposizione contenuta nel can. 1680 § 1 del Codice del 1917. Nel terzo capitolo, dedicato all'analisi della nuova presunzione iuris, vengono rilevate la caratteristiche strutturali e la rilevanza giuridica, con un'attenzione particolare al significato dei termini adoperati per descrivere il fondamento di fatto della presunzione: l'atto giuridico posto nel debito modo riguardo ai suoi elementi esterni.

Prodotti correlati