Procreazione assistita.

Commento alla legge 19 febbraio 2004, n.40.

Disponibile
Codice Prodotto
000530380
 
Anno di edizione
2004
Pagine
XVIII - 328
ISBN
9788814108532
Area di interesse
Materia
Persone: famiglia e minori , Medicina legale
24,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Contributi di: V. Barela, A. Musio, F. Naddeo, G. Salito, G. Sciancalepore, V. Zambrano. Il testo commenta la legge sulla procreazione assistita, nelle variegate posizioni assunte in ordine alla singola normativa, testimoniando che le categorie civilistiche tradizionali sono messe a dura prova nella particolare tematica affrontata. Talune di esse sopravvivono esigendo alcuni adattamenti, altre si ritrovano nella pratica e giuridica impossibilità di essere utilizzate, altre ancora, come il diritto soggettivo, già in crisi in diversi settori del diritto civile, qui vede decretata la propria scomparsa. In realtà, in questa materia, molto più spesso che di diritti, è dato discorrere di interessi esistenziali: così, quello a procreare; ancora quello del figlio a venire alla luce in questa società e non in futuro, magari con mutati rapporti, con mutati valori (è il tema della crioconservazione degli embrioni) ovvero l'interesse a nascere e a svilupparsi presso questa famiglia, così come oggi è composta e non come lo sarà in futuro (è il controverso argomento della procreazione assistita post mortem). L'uso della nozione di diritto deve essere quanto meno limitato: tutt'al più si tratta di situazioni giuridiche complesse, in particolare di natura esistenziale, in cui confluiscono appunto interessi, doveri, oneri e anche pretese. Centrale diventa anche il principio di responsabilità sia nella particolare connotazione di cui all'art. 30, comma 1, Cost., sia nel più generale riferimento ai doveri di solidarietà di cui all'art. 2 Cost.

Prodotti correlati