La disciplina delle mansioni prima e dopo il Jobs Act

Quadro legale e profili problematici

Disponibile
Codice Prodotto
024194247
 
Anno di edizione
2016
Pagine
XVI - 208
ISBN
9788814211416
Area di interesse
Materia
Lavoro: previdenza e sindacale
25,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Con il Jobs Act, il legislatore è intervenuto anche sulla questione della flessibilità c.d. "interna" o "funzionale", che già da tempo aveva destato l'attenzione del sistema imprenditoriale: la questione, cioè, del riconoscimento e della disciplina del potere del datore di lavoro di determinare e variare unilateralmente le mansioni del lavoratore. L'art. 2103 c.c., nelle sue diverse formulazioni precedenti e successive allo Statuto dei diritti dei lavoratori, ampliava o restringeva il potere datoriale di modificare le mansioni, e quindi l'oggetto dell'obbligazione contrattuale, del prestatore di lavoro. Con la l. n. 183/2014, è stata data delega al Governo di revisionare la disciplina delle mansioni in modo da contemperare l'interesse datoriale all'utile impiego del personale con quello del lavoratore alla tutela del posto di lavoro, della sua professionalità e delle sue condizioni di vita ed economiche, prevedendo limiti alla modifica dell'inquadramento. Il d.lgs. n. 81/2015, che ha integralmente sostituito la precedente disciplina delle mansioni del lavoratore, ha radicalmente innovato la norma nel senso di una maggiore flessibilità, mantenendo salda l'attenzione alla posizione soggettiva del prestatore di lavoro e affidando alla contrattazione collettiva un ruolo nuovo e determinante nell'individuazione dello spettro delle mansioni esigibili dal creditore della prestazione lavorativa. Il volume ricostruisce la disciplina dell'istituto, affrontando questioni quali l'obbligo di formazione, il demansionamento, il ruolo inedito della contrattazione collettiva, con attenzione tanto al settore dell'impiego privato quanto a quello dell'impiego pubblico.

Prodotti correlati