Repetita iuvant?

sulle ridondanze del diritto

Disponibile
Codice Prodotto
024195257
 
Anno di edizione
2016
Pagine
XIV - 164
ISBN
9788814212499
Area di interesse
Materia
Filosofia e teoria generale del diritto
17,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Oggetto del Quaderno è il fenomeno della ridondanza linguistica in ambito giuridico. Suo scopo è quindi di chiarire un aspetto pervasivo e ineliminabile di qualunque ambito linguistico, eppure perlopiù trascurato dagli studiosi di diritto. Il saggio muove da un concetto minimale e di senso comune di ridondanza secondo cui si è ridondanti quando si dice di più del necessario e propone un accostamento pragmatico al fenomeno. La tesi centrale del libro è che la pragmatica giuridica è fondamentale non solo per rilevare la eventuale esistenza di ridondanze ma anche per valutarne il grado di (in)felicità o di utilità o dannosità in ciascuna situazione discorsiva, se e in che misura esse contribuiscano a ridurre o aumentare la determinatezza e la chiarezza dei discorsi giuridici. Avvalendosi di alcune distinzioni (tra ridondanze de dicto / de re, inerenti alla lingua naturale / opzionali, linguistiche / normative), si passano in rassegna alcune ridondanze tipiche dei diritti vigenti e usi giurisprudenziali dell'argomento del 'legislatore non ridondante'. Nel saggio si riflette poi sui nessi tra ridondanza e discrezionalità interpretativa e sul senso in cui un legislatore non ridondante è razionale. Il Quaderno si caratterizza per un approccio critico-descrittivo a livello di metodo e di politica del diritto. L'ambito di indagine è costituito in via prevalente dal diritto italiano attuale, ma si opera un confronto anche con gli studi di linguistica e la comunicazione ordinaria.

Prodotti correlati