Codice civile

Verifica disponibilità
Codice Prodotto
024196938
 
A cura di
Anno di edizione
2017
Pagine
XXXII - 2392
ISBN
9788814222450
Collana
Disponibilità
volume fuori catalogo
Area di interesse
Materia
Civile
Professione
Prezzo speciale 27,55 € Prezzo normale 29,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Codice civile. XLII edizione. Il volume conferma l'impianto collaudato e sempre accolto con favore, che prevede, oltre alle disposizioni del codice civile, un'ampia e accurata selezione di norme complementari, arricchita ad ogni nuova edizione con le novità legislative più recenti. In questo breve tempo trascorso dalla precedente edizione, continua il trend del legislatore diretto a tutelare investitori e/o consumatori nel settore bancario. In particolare, la nuova normativa introdotta dal d.lgs. 15 marzo 2017, n. 37 sui c.d. conti di pagamento, esistenti presso le banche o altri intermediari e relativi a tutta una serie di operazioni compiute in banca dai consumatori (versamento fondi, prelievo contanti, esecuzione di operazioni di pagamento ecc.) per le quali il consumatore paga commissioni. La materia codicistica, nel settore dedicato alle disposizioni penali in materia di società e di consorzi (tit. XI, Libro V) è stata interessata dal d.lgs. 15 marzo 2017, n. 38 (lotta contro la corruzione tra privati) che ha introdotto il reato di corruzione tra privati (art. 2635 c.c.). In materia lavoristica, con l. 22 maggio 2017, n. 81, si è provveduto a introdurre misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale, nonché misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato. Singolare per l'oggetto è infine la disciplina del c.d. lavoro agile nel rapporto di lavoro subordinato. Sempre con riguardo al lavoro, si è teso ad abolire, com'è noto, il lavoro accessorio per mezzo dei voucher (v. eliminazione degli artt. da 48 a 50 del c.d. Jobs Acts, l. 81/2005). E, quanto all'appalto, norma molto discussa e contrastata, naturalmente dai committenti, è la resp. solidale del committente, accanto all'appaltatore nei confronti dei lavoratori (trattamenti di fine rapporto e contributi previdenziali) (art. 29 l. n. 276/2003 così modificato da l. 20 aprile 2017 n. 49). Non potevano mancare modifiche alle c.d. società partecipate dallo Stato o da enti locali (d.lgs. 27 giugno 2017 n. 100), disciplina di cui ancora tuttavia non si ravvisa l'attuazione a seguito dell'inerzia degli enti-partecipanti. Più innovativa si è rivelata in questo lasso di tempo la giurisprudenza. La Cassazione, con sentenza 10 maggio 2017 n. 11504, ribaltando una consolidata tradizione, ha stabilito che, avendo l'assegno divorzile prevalente funzione di assistenza e non di riequilibrio patrimoniale, non occorre tenere conto, nella determinazione dell'assegno, del mantenimento del tenore di vita goduto dal coniuge in costanza di matrimonio.
A cura di: Di Majo Adolfo
Collaboratore Volume: Pacifico Massimiliano

Prodotti correlati