Il procedimento sommario di cognizione e la disciplina della conversione del rito

Disponibile
Codice Prodotto
024199931
 
Anno di edizione
2017
Pagine
XIV - 402
ISBN
9788814222511
Area di interesse
Materia
Processo civile
40,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Il presente volume si pone l¿obiettivo di ricostruire, in primo luogo, le principali tappe dell¿evoluzione della tutela differenziata semplificata in Italia e in Europa dall'età bassomedievale sino ai giorni nostri. La previsione di canali di tutela più celeri rispetto al rito ordinario costituisce, infatti, una tecnica di erogazione della tutela giurisdizionale che ha radici quasi millenarie. L'ultima tappa di questo lungo percorso evolutivo è segnato, in particolare, dall'introduzione - con la l. 18 giugno 2009, n. 69 - degli artt. 702 bis ss. c.p.c., i quali delineano un modello semplificato di trattazione delle controversie di competenza del tribunale in composizione monocratica, ma convertibile discrezionalmente in rito ordinario dal giudice ogniqualvolta risulti opportuna, in corso di causa, una "istruzione non sommaria". Sebbene il procedimento de quo non abbia trovato in questi anni la diffusione auspicata, il legislatore, a distanza di pochi anni, ne ha ulteriormente ampliato l'operatività, dapprima introducendo un procedimento sommario di tipo "esclusivo" (v. il d.lgs 1° settembre 2011, n. 150) e, successivamente, prevendendo un meccanismo di passaggio dal rito ordinario al rito sommario (c.d. sommario "convertito"), attraverso l'innesto dell'art. 183 bis nel codice di rito (v. il d.l. n. 132 del 2014, convertito con modificazioni in l. n. 162 del 2014). Le suddette innovazioni impongono la necessità di definire con particolare attenzione la trama dei rapporti che intercorrono tra il rito ordinario e i tre modelli processuali sopracitati. Di qui l'idea, sviluppata nel presente volume, di concentrare l'indagine sull'istituto della conversione del procedimento. È evidente che lo sviluppo e la diffusione del procedimento sommario di cognizione nei prossimi anni dipendono anche dal corretto e proficuo funzionamento di siffatto meccanismo. Per tali motivi, l¿attenzione degli studiosi e degli operatori giuridici verso queste tematiche non può che essere massima."

Prodotti correlati