La mutualità nelle banche popolari

Disponibile
Codice Prodotto
024209728
 
Anno di edizione
2020
Pagine
XII - 468
ISBN
9788828821083
Area di interesse
Professione
Materia
Banche e finanze
47,00 €
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €

Secured and trusted checkout with

Quello relativo alla mutualità nelle banche popolari appare come uno di quei dibattiti della scienza giuridica destinati a non trovar mai esito, mostrandosi anzi capace di alimentare un continuo scontro tra tesi dottrinali le più disparate. Sul tema, infatti, è parso legittimo sostenere di tutto: che le banche popolari non abbiano mai avuto nulla di cooperativistico e mutualistico; che il carattere cooperativistico e mutualistico queste banche lo abbiano perduto nel tempo; che, distinguendo tra organizzazione ed impresa, occorra distinguere tra cooperazione e mutualità, potendosi allora sostenere che le banche popolari siano cooperative, ma non mutualistiche, e così via. L'interesse a portare avanti un lavoro che torni ad occuparsi di questi temi appare al momento attuale accresciuto dalle recenti riforme legislative che hanno riguardato proprio il settore della cooperazione di credito. Quanto alle popolari, l'aver imposto la trasformazione in s.p.a. delle più grandi, è soluzione che, se parrebbe offrir conferma a talune note tesi 'negazionistiche' del passato, costringe tuttavia gli interpreti a prendere posizione su quale sia la 'natura' delle banche popolari residue. L'interesse, inoltre, è accresciuto dai recenti episodi che hanno coinvolto alcune banche popolari con riguardo al legame tra erogazione del credito e reinvestimento dello stesso nel capitale (disastrato) delle medesime banche erogatrici, ciò che lascia riaffiorare tutta la rilevanza del problema del profondo intreccio (e reciproco condizionamento) che la mutualità delle popolari tradizionalmente realizza tra partecipazione sociale e scambio contrattuale. Ad una rinnovata riflessione su tutti questi temi è rivolto questo volume.

Prodotti correlati