Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito


Rispetto alla precedente edizione, il Commento è stato completamente riscritto, per tener conto dei profondi cambiamenti intervenuti nel sistema delle fonti, nella giurisprudenza e nella legislazione. Partendo dalle norme del Codice, sono illustrate, in modo sintetico ma chiaro e completo, le fonti principali in materia di proprietà: la Costituzione, la Carta dei diritti e le regole dell'Unione europea, la Convenzione europea dei diritti umani e la rispettiva giurisprudenza. Ne emergono una nozione "costituzionale" di proprietà (esaminata nei suoi rapporti con la nozione "civilistica" contenute nel Codice); e gli elementi di conflitto emersi negli ultimi tempi tra il principio della funzione sociale e quella della proprietà come diritto di libertà. In questo quadro, sono esaminate le problematiche odierne più rilevanti: le "nuove proprietà", i beni comuni, lo ius aedificandi e l'indennità, il danno non patrimoniale alla proprietà. Nel commento all'art. 833 è poi approfondita la disciplina degli atti emulativi e la relativa giurisprudenza, confrontata con l'odierna riemersione del divieto dell'abuso del diritto.

Potrebbero interessarti

chi ha acquistato questo articolo ha acquistato anche ...

Chiudi X