Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Per dettagli clicca qui. Utilizzando il nostro sito web si acconsente all’uso di cookie.


Il volume Costituzionalismo 1912-1913. Nazione e classe offre un contributo di storia delle dottrine costituzionalistiche e di storia costituzionale. L'approfondimento condotto su quel biennio (rilevante nella storia dell'Italia liberale giacché si ebbero l'estensione del suffragio a quasi-universale, la guerra di Libia, il 'patto' Gentiloni) muove in una duplice direzione: un repertorio bibliografico ragionato degli scritti costituzionalistici apparsi; il racconto di 'cronache costituzionali', onde catturare l'attualità costituzionale quale allora si poneva - lasciando al lettore di cogliere quanto essa risulti attuale ancora oggi. Intrecciando questi due fili espositivi, il saggio muta continuamente angolo visuale, da giuridico a storico-politico a letterario. In tal modo penetra all'interno di un'epoca, restituendone i confronti di idee e passioni, assieme alle categorie concettuali con cui gli studiosi e i commentatori trattassero i temi più dibattuti. Temi, alcuni, che suonano ben familiari al lettore di oggi, poiché quel discorrere allora di crisi dei partiti, crisi del Parlamento, crisi della rappresentanza, ricorre nel tempo attuale con sorprendente analogia.

È possibile acquistare on line i singoli fascicoli della rivista




Potrebbero interessarti

chi ha acquistato questo articolo ha acquistato anche ...

Chiudi X