Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito


Il quarantasettesimo volume dei Quaderni Fiorentini propone un fitto dialogo fra passato e presente per storicizzare categorie spesso ancor oggi incongruamente imbalsamate in figure dogmatiche proiettate fuori dal tempo e tentare di comprendere oltre i chiusi specialismi disciplinari l'odierna complessità della dimensione giuridica. Il ruolo di giuristi-interpreti che, ben calati in una società in continuo mutamento, elaborano e trasformano norme rigide e dogmi emerge più che mai rilevante, ad esempio, dal saggio di Pio Caroni sul codice come messaggio e dalle pagine di Paolo Grossi sul ruolo inventivo della interpretazione. Pur nell'ovvia specificità di ciascuna voce, il serrato confronto tra storia e diritto caratterizza, come sempre, tutti i saggi presenti nel Quaderno; un Quaderno che si apre ricordando Stefano Rodotà, un grande giurista 'dialogante' che ha segnato il nostro tempo.

È possibile acquistare on line i singoli fascicoli della rivista




Potrebbero interessarti

Chiudi X