Diritto commerciale europeo.

Terza edizione.

Disponibilità: Disponibile

Anno di edizione
2008
Pagine
XVII - 738
Codice Prodotto
000496418
ISBN
9788814143014
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €
58,00 €
O
Descrizione

Descrizione

I cambiamenti intervenuti nello scenario politico ed economico internazionale nell'arco di tempo intercorso dall'edizione del 1995, in lingua italiana, e del 1996, in lingua inglese hanno comportato il sensibile ripensamento della struttura del testo e contenuti completamente nuovi. I primi due capitoli sono dedicati, rispettivamente, al diritto di stabilimento e alla libera prestazione dei servizi e all'armonizzazione del diritto delle società nell'Unione Europea. Sono seguiti dal capitolo riguardante i capitali e l'eurosistema monetario con i suoi pregi e i preoccupanti difetti. Il quarto capitolo è incentrato sul ruolo dell'Unione Europea nell'organizzazione dell'economia internazionale con particolare riguardo all'evoluta disciplina pattizia della WTO GATT 1994 e agli effetti dell'adesione della Cina a partire dal 1° gennaio 2002, ma anche mette in luce la carenza dei datati accordi del Fondo Monetario Internazionale. Il quinto capitolo è dedicato alle imprese multinazionali di fronte alla globalizzazione e il sesto e ultimo riguarda la disciplina della concorrenza: dalla teoria generale alle attuazioni concrete. Il "file rouge" che collega i vari argomenti è quello dell'ottica internazionale nella quale ognuno di essi è trattato, sia pure da un'angolazione che riguarda prettamente l'Unione Europea e le imprese europee. Attraverso l'analisi dei singoli temi, di "micro" come di "macroeconomia" in un contesto di globalizzazione, il libro pone in evidenza i problemi che l'Unione Europea al suo interno e nel mondo si trova attualmente a fronteggiare in un periodo di transizione particolarmente delicato: dall'ampio allargamento fino agli attuali 27 stati membri, al fallimento della Costituzione e alle difficoltà del Trattato di Lisbona, dall'anomalia della coesistenza della "zona euro" con quella "non euro", ai troppi ruoli della Commissione. Ne emerge un quadro complessivo che, ad opinione dell'autore, impone la necessità di una radicale rifondazione democratica dell'Unione Europea. Questa, nonostante il nome, attualmente è un ibrido che non trova riscontro nel mondo del diritto: non è un unione di Stati, non tanto perché è priva di una gestione unitaria della politica estera, quanto e soprattutto perché è orba di un vero e proprio esecutivo politico (non potendo essere questo di certo - e tanto meno in prospettiva - uno dei ruoli della Commissione, organo tecnico per eccellenza), tuttavia, è più di una comunità economica anche se, nel mercato di riferimento che si vorrebbe "unico", restano discriminazioni e, troppo spesso, fondamentali diritti individuali vengono ad essere eccessivamente compressi o trovano una protezione soltanto formale. La grande crisi economico finanziaria di questi giorni, proveniente dall'esterno dell'Europa, impone a noi europei, accanto alle esigenze di competenza dei singoli Stati per fronteggiarne gli effetti negativi, un ripensamento dei ruoli e una più corretta ridistribuzione dei poteri nell'Unione Europea - i veri nodi di ordine fisiologico la soluzione dei quali va trovata nell'immediato futuro - tenendo come punto di riferimento la storica tripartizione propria di uno Stato democratico. Da tali criticità nasce l'auspicio di un nuovo sforzo "costituzionale", volto a ridisegnare la struttura dell'Unione e a completarne il processo evolutivo nel senso auspicato. Soltanto in tale modo sarà possibile tenere il passo degli altri grandi attori della scena mondiale con un ruolo da protagonista.
Indice

Indice

Chi ha acquistato questo prodotto ha acquistato anche…

Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito