L'obbligo di motivazione delle leggi.

Disponibilità: Disponibile

Autore
Anno di edizione
2011
Pagine
XXII - 358
Codice Prodotto
000396661
ISBN
9788814171871
Tomi
uno
Area di Interesse: Civile e processo
Materia: Civile
Professione: Studioso del diritto
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €
38,00 €
O
Descrizione

Descrizione

Il saggio si propone di verificare la possibilità di ricondurre l¿obbligo di motivazione delle leggi ad un principio costituzionale implicito. Questo studio, muovendo da una nozione sostanziale della motivazione ¿ intesa come indice dell¿adeguatezza del contenuto della legge per il conseguimento dei fini e degli obiettivi che l¿atto normativo si propone di raggiungere ¿, tocca profili che vanno al di là della specifica tematica delle fonti, per investire problemi di più ampia portata che attengono non solo al funzionamento della nostra forma di governo, ma della stessa forma di Stato con specifico riferimento alla reale rispondenza della legge alle esigenze di una società pluralista nel quadro di principi, valori e indirizzi costituzionali dati.Il saggio si articola in cinque capitoli: dopo l'iniziale delimitazione del tema, viene ricostruito, in chiave critica, il dibattito dottrinale e giurisprudenziale e si evidenziano i casi in cui la motivazione è già ritenuta necessaria.L'attenzione è poi rivolta al ruolo della legge: si ripercorrono gli aspetti principali di un processo che ha portato alla perdita della sua centralità nel quadro del nostro sistema delle fonti, dimostrando l¿esigenza che a una legittimazione formale-soggettiva dell¿atto normativo si accompagni la valorizzazione di una legittimazione oggettiva calibrata sul contenuto della legge. Questa analisi ricostruttiva costituisce la premessa per l¿individuazione del fondamento dell¿obbligo di motivazione, proprio quale indice del grado di legittimazione oggettiva dell¿atto: la legge mantiene la funzione essenziale e primaria di attuazione della Costituzione e la motivazione è uno strumento in grado di contribuire alla sua riqualificazione, assicurando al contempo il primato della legalità costituzionale sulla politica.In particolare, si sostiene che il criterio della ragionevolezza, secondo la ricostruzione compiuta dalla giurisprudenza costituzionale, deve sempre essere soddisfatto, poiché la scelta legislativa non deve soltanto rispettare le indicazioni costituzionali, ma deve anche essere congrua e adeguata: i casi in cui la dottrina e la giurisprudenza costituzionale ritengono già esistente l¿obbligo in questione, allora, non hanno una valenza eccezionale e devono considerarsi espressione di un principio generale implicito, il cui fondamento è da rinvenire nella rigidità della Costituzione. Conseguentemente, il rispetto di tale principio richiede che vengano indicati almeno gli elementi essenziali per ricavare la ratio e i motivi della decisione.Da ultimo, viene analizzata l'esperienza della regione Toscana che ha visto non solo il riconoscimento dell'obbligo di motivazione per gli atti normativi, ma anche l'imposizione di una specifica veste formale di quest¿ultima, che presenta ulteriori aspetti problematici.
Indice

Indice

Chi ha acquistato questo prodotto ha acquistato anche…

Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito