La sicurezza degli stati nell'era dell'egemonia americana.

Disponibilità: Non disponibile

Anno di edizione
2003
Pagine
XI - 158
Codice Prodotto
000020953
ISBN
9788814099496
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €
10,50 €
Descrizione

Descrizione

Alla fine del ventesimo secolo, la sicurezza degli stati rimane sempre la maggiore priorità dei governi. Gli stati dispongono come non mai di strumenti di sicurezza violenti - vale a dire armi di tutti i generi - non violenti - vale a dire meccanismi diplomatici e norme giuridiche - ed anche tecnologici - vale a dire know-how dell'economia e delle comunicazioni - eppure pericoli, minacce e rischi non sono mai stati così avvertiti dai governanti e dai popoli. La sfida è stata raccolta dagli scienziati. Nell'ambito della scienza politica, la scuola costruttivistica e quella critica si sono buttate a capo fitto nell'impresa di ridefinire la sicurezza internazionale e le sue condizioni sociali mettendo nell'angolo ogni altro approccio di investigazione scientifica, dai tradizionali studi strategici agli studi sulle guerre, sulla violenza internazionale, sui processi di pace e sulla risoluzione dei conflitti che, invece, hanno battuto la strada della ricerca positiva fatta di ipotesi da dimostrare con dati empirici e tangibili. Gli studi sulle guerre e sui conflitti internazionali che fanno uso della metodologia positiva non sono di poco conto e, sebbene la rivoluzione costruttivista abbia portato in evidenza aspetti trascurati e importanti, la ricerca che ha dato origine a questo studio si è avvalsa della metodologia di entrambe le scuole.Il ruolo degli Stati Uniti nella sicurezza degli stati è stato interpretato, in genere, come quello di ogni altra grande potenza.In questo contesto politico e scientifico, è nato il progetto di ricerca Evoluzione della sicurezza nel mondo contemporaneo che è stato condotto nelle Università di Catania, Padova e Pisa. La ricerca si è occupata dei cambiamenti della cooperazione tra stati nella sicurezza internazionale. Questi cambiamenti si riassumono in tre dati che questa pubblicazione illustrerà. Il primo dato è la maggiore garanzia di sicurezza che gli stati di oggi hanno rispetto agli stati del passato, per effetto dell'evoluzione di regole ed istituzioni di governo del sistema politico internazionale. Il secondo dato è il cambiamento degli strumenti di cooperazione, che si configura con la contrazione del ricorso ad alleanze militari e con il loro inquadramento all'interno di sistemi regionali di sicurezza. Il terzo dato è il maggior uso di strumenti multilaterali, che oggi sono disponibili ed effettivamente utilizzati per garantire la sicurezza nel sistema internazionale.
Indice

Indice

Chi ha acquistato questo prodotto ha acquistato anche…

Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito