Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito


Il presente volume analizza le difficoltà estimative che l'esperto deve affrontare quando si tratta di assegnare un valore ad un'azienda sottoposta a misura di prevenzione patrimoniale. Dopo una disamina delle particolari condizioni aziendali e di contesto che caratterizzano le aziende sequestrate e confiscate, sono richiamate dapprima le finalità, le ipotesi di destinazione e le corrispondenti configurazioni di valore del capitale che ne discendono e successivamente viene illustrato come si modifica il processo di stima del valore di tali complesse realtà aziendali, il quale dovrebbe considerare elementi qualitativi di difficile ponderazione come, a titolo di esempio, i rischi sulle prospettive future e i condizionamenti operati dai diversi stakeholder. Il volume si caratterizza altresì per la proposta di un¿inclusione nel processo valutativo del significato etico-sociale del recupero alla legalità di aziende precedentemente in mano alla criminalità organizzata, recependo così il suggerimento di autorevole dottrina economico-aziendale secondo cui l¿azienda ha valore anche per la sua capacità di contribuire al benessere della società all¿interno della quale opera. Le aziende sequestrate e confiscate definiscono così un nuovo e rilevante contesto valutativo anche per il mondo accademico. Di fronte alla carenza di precedenti contributi, il volume contribuisce ad istituire, nel campo della valutazione d'azienda, una sub-specie estimativa meritevole di attenzione da parte degli studiosi di Economia aziendale.

Potrebbero interessarti

chi ha acquistato questo articolo ha acquistato anche ...

Chiudi X