Le leggi antiebraiche e razziali italiane ed il ceto dei giuristi.

Prefazione di Alberto Crespi.

Disponibilità: Non disponibile

Anno di edizione
2011
Pagine
XVI - 326
Codice Prodotto
000000301
ISBN
9788814155710
Disponibilità
Area di Interesse: Varia, Banche e finanza
Professione: Studioso del diritto
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €
35,00 €
Descrizione

Descrizione

Numerosi sono stati gli studi e i contributi dedicati alla normativa degli anni 1938-1945, ma il presente volume si propone di analizzare, sotto forma di analitico saggio storico, in particolare le 'leggi della vergogna' che, muovendo dalla negazione radicale di quelle regole basilari e punto di partenza della legislazione di ogni paese civile, hanno scosso le fondamenta dell'ordinamento giuridico italiano dell'epoca. Oggetto d'indagine dell'opera sono, perciò, le leggi razziali, vale a dire le leggi emanate contro gli ebrei, ma anche quelle riguardanti il trattamento dei cosiddetti nativi delle colonie africane dell'Italia. Leggi al servizio dello Stato, proposte e scritte da un nugolo di 'giuristi di regime', disponibili a tradurre in un linguaggio 'tecnico' le direttive del partito. Nonostante l'agevole accessibilità delle leggi antiebraiche, è sembrato inoltre opportuno, per comodità del lettore, pubblicare in Appendice i principali decreti e leggi razziali.
Indice

Indice

Chi ha acquistato questo prodotto ha acquistato anche…

Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito