Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale.

Con prefazione di Piero Luigi Vigna.

Disponibilità: Disponibile

Anno di edizione
2009
Pagine
XIV - 492
Codice Prodotto
000191780
ISBN
9788814138812
Area di Interesse: Penale e processo
Materia: Penale
Professione: Avvocato
Spedizione gratuita per ordini superiori ai 50 €
50,00 €
O
Descrizione

Descrizione

L'Italia, come gran parte dei Paesi maggiormente sviluppati, è gravemente colpita dal fenomeno del riciclaggio di ingenti capitali di provenienza criminosa, eppure il reato giunge assai raramente alla cognizione del giudice. Il numero dei processi in atto per fatti di riciclaggio è risibile, soprattutto se si considera che la stragrande maggioranza di essi non riguarda denaro derivante dal crimine organizzato e, perciò, da gravi reati quali quelli del narcotraffico, dell'usura, del racket delle estorsioni, della tratta di esseri umani, ma da fatti di scarso allarme e danno sociale, quali quelli relativi al cambio delle targhe o del telaio dei veicoli di provenienza illecita. Il volume si fa, dunque, carico di segnalare le ragioni tecniche per cui l'Italia risulta ancora oggi priva di effettiva tutela penale, rispetto ad un fenomeno che sta stravolgendo e contaminando i presupposti e gli equilibri fisiologici dell'economia di mercato. Le distorsioni e le disfunzioni recate dall'attuale assetto di disciplina sono causa ed effetto di un'applicazione randomica della fattispecie, con buona pace di garanzie come quella della tutela del legittimo affidamento dei terzi: tra questi vi sono, infatti, gli operatori di banca e di borsa, i professionisti e, in genere, tutti gli obbligati alla cd. "adeguata verifica del cliente". Essi, come in fondo anche il semplice cittadino che acquisti o riceva la res di illecita provenienza, tendono ad essere automaticamente attratti nella sfera di applicazione della norma incriminatrice, in quanto surrettiziamente richiesti di una probatio di innocenza. La ragione di un simile "stato dell'arte", normativo ed ermeneutico, va ricercata nella genesi stessa della fattispecie. L'art. 648 bis c.p. è stato sviluppato mutuando i tratti essenziali dello schema tipo del delitto di ricettazione (art. 648 c.p.). È mancata ab origine un'esatta identificazione della reale portata del fenomeno riciclaggio, ben lungi dal riguardare la semplice tutela del patrimonio. Simili problematiche non ricorrono in altri Paesi, in particolare di matrice anglosassone, fautori di un ben diverso approccio nello sviluppo degli strumenti di tutela antiriciclaggio. Negli Stati Uniti la fattispecie criminosa è addirittura inquadrata nel contesto della cd. "War on drugs". Il fine ultimo del libro è, pertanto, quello di offrire suggerimenti per un'impostazione ermeneutica più consona della norma incriminatrice ed anche di fornire gli strumenti per la definizione di una disciplina penale che risulti più chiara, più equilibrata e più efficace, segnatamente nell'ottica della integrazione transnazionale.
Indice

Indice

Chi ha acquistato questo prodotto ha acquistato anche…

Questo sito usa cookies, anche di terze parti, per indirizzare agli utenti messaggi promozionali in linea con le loro preferenze. Per negare il consenso e leggere l’informativa estesa, clicca qui. Se prosegui la navigazione accedendo ad altre aree del sito o interagendo con elementi del sito manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie usate dal sito